Sicurezza sul lavoro e morti bianche

Le norme ci sono: quello che manca è la loro applicazione

Sicurezza sul lavoro e morti bianche
Sicurezza sul lavoro e morti biancheTutte quelle morti a cui non vi è una chiara ed univoca attribuzione di responsabilità umana nella causa dell'incidente sul lavoro che ne ha determi... Leggi

Sono ormai trascorsi diversi anni da quando, nel 2008 fu realizzato il testo unico sulla sicurezza del lavoro (Dlgs 81/08) con tutta una serie di regole ed obblighi da seguire durante tutte la fasi delle attività lavorative, comprendenti anche formazione ed addestramento per le diverse figure professionali presenti in Azienda. Ciò nonostante, ad oggi, non si riesce ancora a far rispettare le regole necessarie a garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro e ad evitare le cosidette morti biancheTutte quelle morti a cui non vi è una chiara ed univoca attribuzione di responsabilità umana nella causa dell'incidente sul lavoro che ne ha determi... Leggi.

Un esempio su tutti è quello che è successo nella Thissen Krupp nel 2007, dove 7 operai incontrarono una morte terribile e dove la Thissen, risultò di non avere nemmeno formato la squadra addetta alla sicurezza.

Basta farsi un giro sui tantissimi cantieri (sopratutto edili) aperti nel nostro territorio, per verificare che nella maggior parte dei casi:

  • Non viene rispettato l’uso del casco protettivo;
  • Spesso si lavora senza guanti e senza mascherina, anche su cantieri dove si maneggia eternit e sostanze aggressive;
  • Spesso manca la presenza di una vera e propria installazione della cassetta di pronto soccorso;
  • Spesso gli estintori in dotazione a fabbriche, cantieri ed edifici, non vengono controllati e verificati;
  • Spesso, la realizzazione dei ponteggi non rispetta tutti i canoni prestabiliti;
  • Nei lavori in altezza, manca spesso l’imbracatura protettiva;
  • Visite mediche periodiche svolte senza alcuna cadenza prestabilita;

Tutto questo contribuisce a far sì che solo in questi primi mesi del 2018, le morti biancheTutte quelle morti a cui non vi è una chiara ed univoca attribuzione di responsabilità umana nella causa dell'incidente sul lavoro che ne ha determi... Leggi siano già arrivate a 29 e che negli ultimi dieci anni, siano morte ben 13mila persone.

Eppure ad ogni tragedia assistiamo

Al continuo e ciclico ripetersi di dichiarazioni di sdegno, di incredulità e di protesta dei Sindacati e dei rappresentanti delle istituzioni che si auspicano che questo lungo elenco di morti possa interrompersi.

Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *