Separazioni artefatte

Ci si separa solo sulla carta e solo per godere di tutta una serie di agevolazioni economiche

Il fenomeno delle finte separazioni appare sempre più esteso e ramificato in tutto il territorio nazionale. Sono sempre più numerose le coppie che, previa una apposita strategia studiata a tavolino  e pianificata nei minimi dettagli, si avvalgono di un legale (che naturalmente, li crede in buona fede) per redigere una finta separazione, esclusivamente con lo scopo di ottenere tutta una serie di benefici ed agevolazioni che, oltre a danneggiare tutte le famiglie che faticano per arrivare a fine mese ed in molti casi, patiscono anche la fame pur di soddisfare le necessità dei propri figli; sottrae risorse e supporto a chi veramente ne ha bisogno; proprio come accade per i falsi invalidi. Forti di un documento legale che attesta una separazione (anche con residenze fittizie) in atto tra i coniugi, con la conseguente responsabilità che ricade ad uno dei due genitori, relativamente all’affidamento dei figli e della casa familiare; si attivano per dichiarare tempestivamente lo status di separati al Comune di Residenza e beneficiare quindi di tutte le agevolazioni previste in questi casi dalla legge, come:

Separati virtualmente ma uniti a prendere
Cuori infranti ma… solo sulla carta!
  • Tasse Comunali ridotte per seconde case che vengono fatte apparire come prime (perchè intestate all’altro coniuge)
  • Risparmiare sulle rette degli asili nido
  • Accedere alle graduatorie per ottenere alloggi popolari
  • Ottenere i contributi economici, buoni pasto destinati a disoccupati e disagiati.
  • Traslare gli assegni dei figli al coniuge con la condizione più vantaggiosa
  • Fare risultare automobili e beni intestati a coniugi separati e non conteggiandoli così nello stesso reddito familiare
  • Non pagare o pagare una quota ridotta della tassa sui rifiuti

Eppure, per sradicare questo nuovo e codardo modo di lucrare

Basterebbe semplicemente incrociare tutti i dati riguardanti il nucleo familiare ed il loro tenore di vita per rendersi conto di una serie dia nomalie: prima tra tutte; quella di continuare ad abitare nella stessa casa, dormire nello stesso letto e vivere la stessa vita di sempre (molto più agiata però)

Se anche nella tua città, hai notato lo stesso fenomeno, racconta la tua esperienza!

Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *