Chiamate il 40916? Attenti a chi risponde

Basta un operature furbetto per compromettere l’utente e la compagnia telefonica.

Avendo anche un vecchio telefono (GSM) con una vecchia sim TIM del 1993 (con un vecchio numero riservato esclusivamente ai familiari); ogni tanto, telefono al gestore telefonico per tenermi informato sul credito residuo e sulla scadenza della SIM (utilizzata quasi esclusivamente per ricevere). Giorno 25 gennaio, compongo il numero destinato alla verifica del credito residuo (40916) e chiedo all’operatore che mi risponde dall’Albania, di fornirmi gli estremi del traffico e di validità della SIM. L’operatore mi mette in attesa per 2/3 minuti circa, dopodichè mi da le informazioni richieste e mi saluta. Subito dopo mi arriva un sms che mi avvisa che il credito residuo sta per terminare. Ma come? Se un attimo prima, l’operatore che mi ha risposto dall’Albania mi aveva riferito che il mio credito residuo ammontava a 5 euro e 46! Cosa era successo in quei 2/3 minuti nei quali l’operatore mi aveva messo in attesa? Chiamo allora il 119 (assistenza clienti TIM) e spiego all’operatore (che questa volta mi risponde dall’Italia) il contesto della mia lamentela e gli spiego che solo l’operatore precedente poteva avere attivato (data la tempistica nell’ordine di 2/3 minuti) qualcosa senza alcuna richiesta ed in modo del tutto fraudolento. Cosa mi riferisce? Che era stato attivato un servizio di 3 euro mensili! Non immaginate la mia rabbia nell’apprendere il comportamento scorretto e lesivo di quell’operatore estero!

sms di notifica
SMS di notifica credito residuo e servizio disattivato

Esprimo allora, il forte desiderio di denunciare ufficialmente l’accaduto al gestore telefonico (TIM) e chiedo la disattivazione immediata del servizio attivato senza alcuna richiesta ed il reintegro dei 3 euro serviti allo scopo! L’operatore italiano, prende atto della mia dettagliatissima spiegazione e dell’altrettanto lampante deduzione e disattiva immediatamente il servizio e mi restituisce i 3 euro!

Ora mi chiedo: e se non avessi ricevuto il messaggio di notifica del credito residuo in esaurimento? Probabilmente mi avrebbe fregato altri 3 euro il mese successivo e così via sino a quando non me ne fossi accorto!

Negozi e centri commerciali spesso inaccessibili ai disabili

Nonostante l’enorme evoluzione tecnologica e le evanzatissime metodologie di arredo

Dei negozi e dei centri commerciali, è davvero di difficile comprensione e constatare quotidianamente, nonostante vi siano apposite leggi ed appositi regolamenti specifici, come le nostre città, siano lontani anni luce dall’essere pienamente accessibili e fruibili per i disabili. E’ davvero inconcepibile recarsi in un bar della capitale ad esempio e, al momento di chiedere l’uso dei bagni, sentirsi rispondere: il bagno purtroppo, si trova al piano seminterrato, in fondo ad una rampa di scale abbastanza alte e strette e come può capire, non è accessibile ai disabili!

negozi non accessibili
Negozi e centri commerciali inaccessibili ai disabili

Risulta altresì triste e deprimente, constatare che nel voler fare la spesa nella propria città, ci si rende conto che, muoversi in un negozio è praticamente un zigzagare continuo e stremante. I corridoi tra uno scaffale e l’altro, sono stretti e quasi sempre occupati da imballi vari (i dipendenti scartano gli imballaggi degli articoli, durante la normale apertura ed occupano le corsie anche per parcheggiare gli scatoloni) e di bancali con colonne di cartoni pieni dei prodotti da approvvigionare. Ostacoli (canfezioni, plastiche e cartoni) che impediscono di poter percorrere la piattaforma di vendita nella ricerca degli articoli che si desidera comprare. Per non parlare poi dei periodi festivi, quando è praticamente impossibile muoversi all’interno del negozio per la presenza di colonne alte 2 metri di panettoni, pandori, dolci, uova di pasqua ed altri prodotti caratteristici delle ricorrenze, disseminate su tutta la superficie calpestabile che, impediscono persino il passaggio di una persona con una stampella: figuriamoci con una carrozzina! Nonostante sia stata fatta una apposita legge (n. 13 dell’89, Decreto Ministeriale n. 236/’89) per tutelare e garantire la accessibilità di locali aperti al pubblico; bagni a parte, poco o niente è stato fatto!

Ecco quanto rilevato in alcuni negozi del reatino:

CONFORAMA (Cittaducale)

Nonostante l’ampio spazio tra i vari espositori; è necessario percorrere tutta la grande superficie di vendita del centro commerciale, sfiancando anche il più virtuoso dei disabili.
PARCHEGGI PER DISABILI ANNESSI: Buona parte, sopratutto quelli posti in prossimità dell’ingresso, sono perennemente occupati da autovetture prive di apposito contrassegno.

COOP Rieti (Villa Reatina: “i cubi”)

Lo spazio tra una scaffalistica e l’altra, risulta appena sufficiente per il transito di un carrello solo ed una persona su di un lato. La superficie è quasi sempre occupata da ostacoli ed intralci vari: cartoni, plastici e confezioni da sistemare.
PACHEGGI PER DISABILI ANNESSI: IN SUPERFICIE: costantemente occupati dagli avventori del bar posto all’ingresso del centro o da opportunisti che entrano per recarsi nella farmacia all’interno del centro commerciale. SOTTERRANEI: correttamente utilizzati (anche se spesso occupati in modo selvaggio: auto parcheggiate trasversalmente).

LA GALLERIA (Rieti)

Spazio tra una scaffalistica e l’altra perennemente occupata da ostacoli ed intralci vari: cartoni, confezioni da sistemare, espositori promozionali.
PARCHEGGI PER DISABILI ANNESSI: L’unico (1 solo posto auto per davvero) parcheggio disponibile non può assolutamente rispondere all’esigenza di una moltitudine di clienti!

Polizza auto e strani calcoli

Strani e ciclici adeguamenti tariffari al premio relativo alla polizza auto.

Recandomi a ritirare il rinnovo semestrale relativo alla polizza della mia autovettura, con mio grande stupore, ho dovuto constatare l’ennesimo aumento del premio semestrale. Ora, senza andare ad analizzare l’età, la classe di appartenenza ed il tipo di autovettura assicurata;

Le risposte fornite alle mie domande, mi hanno davvero stupito.

 

  • Alla domanda: ma a che cosa è dovuto questo continuo aumento (praticamente ad ogni semestralità)? Mi viene risposto che l’aumento è dovuto al continuo adeguamento ai parametri di imposta fiscale che vengono eseguiti con precisione quasi maniacale!
  • Alla domanda: come mai ad una piccola utilitaria viene applicata una tariffazione di molto vicina ad una autovettra di classe superiore? (ho preso ad esempio, un veicolo furgonato con motore diesel da 1900 cc di cilindrata di 55hp). Mi viene risposto che quella piccola utilitaria ha maggiore percentualedi rischio sinistri di una vettura con le stesse caratteristiche ma magari, di una casa automobilistica Italiana.
  • Alla domanda: ma se io faccio pochi chilometri alla settimana (qualche decina) come posso pagare come chi percorre centinaia di chilometri nello stesso periodo?
  • Oppure; se decidessi di installare il rilevatore GPS per passare ad una polizza a chilometraggio e generare quindi un risparmio del premio proporzionale alla distanza percorsa in termini di chilometri?
    Oltre al preventivo più basso di soli 12 euro annui, mi viene risposto che, per l’installazione del dispositivo GPS è necessario anche stipulare una polizza aggiuntiva e che, per la gestione degli addebiti sarà necessaria una carta di credito dove far confluire i vari pagamenti! Ecco che appare in modo del tutto evidente la differenza sostanziale tra quanto viene normalmente detto nei vari promo e, quanto poi succede nella concretezza.