Il domicilio è inviolabile. Ma solo sulla Costituzione

Case violate, occupate e devastate

Non passa giorno che non giunga notizia di una casa lasciata incustodita per brevissimi periodi per:

  • assenza del fine settimana
  • un ricovero improvviso
  • visita parenti
  • una breve vacanza
  • un impegno imprevisto fuori sede
case occupate abusivamente
Case violate, devastate ed occupate

Che, al proprio ritorno, non venga ritrovata violata ed occupata (la porta d’ingresso viene scardinata, la serratura viene cambiata e, molte volte, i propri oggetti vengono letteralmente buttati). Tutto questo, con l’aggravante di vedere gli artefici della violenza, ben accomodati nelle nostre cose.

Nonostante l’articolo 14 della nostra Costituzione affermi che il proprio domicilio è inviolabile e non vi si possono eseguire ispezioni, perquisizioni o sequestri, se non nei casi e nei modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà personale.

La legge però, sembra non avere strumenti per combattere questo fenomeno spregevole che sottrae la cosa più importante per una Persona ed una Famiglia: la casa. Il luogo dove sono custoditi i propri beni personali e dove sono ipotecati la maggior parte dei sacrifici di tutta una vita.
Allora come mai succede questo, e, nonostante le denunce, gli scandali e le proteste di chi subisce questo grande torto non succede nulla (di tangibile) e nessuno fa niente o quasi?

Forse si aspetta che, l’occupante di turno, butti dalla finestra (per errore: scambiandolo magari per un bambolotto) un neonato che aspetta la mamma uscita a comprare il latte per la poppata successiva?