Il voto serve davvero?

Leggi i commenti o posta il tuo sull’argomento

Nonostante gli italiani vengano chiamati a votare, sono anni che poi, il loro voto viene completamente ignorato

Il popolo effettua una scelta ma la politica di fatto la capovolge

Anche se non desidero parlare di politica nel mio blog, tuttavia in questa particolare situazione socio-politica attuale, non posso esimermi dal farlo. Alla luce di quanto successo in questi giorni, dopo la caduta del governo giallo-verde (come è stato definito) e dopo l’avvento (anche è ancora in fase di accordo: ma al di la di litigi e smentite, sicuramente si farà) del governo giallo-rosso (come viene definito), al di là di qualsiasi colore e corrente politica; non posso non indignarmi nel constatare l’ennesimo governo privo del consenso popolare. Mi chiedo allora a cosa serva votare in un Paese che si definisce democratico ma che di tale, non manifesta alcuna peculiarità. Nonostante la maggior parte degli italiani abbiano votato ed espresso il loro volere (che secondo la nostra Costituzione dovrebbe essere sovrano); la squadra politica chiamata a governare il Paese, non solo non ha affatto il consenso dei cittadini, ma addirittura è proprio quella che è stata penalizzata e delegittimata dal voto ultimo. Conte infatti, potrebbe essere il sesto presidente del consiglio non eletto dal popolo.

La spiegazione di tutto ciò secondo me, potrebbe essere racchiusa nella semplice relazione tra POLITICA e POTERE e sulla brillante definizione fornita da Bertrand Russel (Filosofo, Matematico ). Russel infatti, sostiene che il potere (e quindi la politica) si può riassumere nella definizione di: realizzare gli effetti desiderati!

La domanda allora, sorge più che spontanea: a cosa serve chiamare gli italiani alle urne (e spendere anche centinaia di milioni di euro tra organizzazione, seggi, incarichi, spettanze e tutta una serie di costi enormi diretti ed indiretti) se poi, la squadra di governo che sarà chiamata a guidare il Paese, nulla ha a che vedere con le indicazioni del popolo!

A chi mi ricorda che questo è quanto prevede la costituzione, vorrei dire che, sì certo, questo e ciò che stabilisce la COSTITUZIONE, non vi è dubbio però che la Costituzione stabilisce  anche molte altre cose che puntualmente non vengono rispettate. Come questi tre articoli;

ART: 1: L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo. (vedi tutti gli italiani in condizione di povertà relativa e povertà assoluta e la sovranità che è spesso ostaggio dei poteri forti)
ART. 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale, è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che.. (vedi i moltissimi disabili ogni giorno si scontrano con enormi ostacoli sia di ordine sociale che economico);
ART. 14: Il domicilio è inviolabile (vedi i moltissimi cittadini che si assentano per un qualche motivo e si ritrovano con la casa occupata, i loro mobili buttati in strada e con l’impossibilità di riprenderne possesso)

Ricordiamoci allora di far rispettare anche questi TRE articoli che sono a mio avviso, il fulcro di tutta la nostra Società Civile

L’inglese stravolge l’italiano

Quasi tutte le pubblicità e gli slogan parlano inglese

Nella lingua Italiana correntemente parlata, ormai non si contano più i molti, moltissimi termini in lingua inglese che, vengono incastonati tra una parola ed un’altra; tra una espressione ed un’altra; ed a volte, componendo una frase intera senza nemmeno un solo termine in italiano.

Termini anglosassoni
Invasione della lingua inglese nelle nostre frasi

Tutto questo ha letteralmente stravolto la scorrevolezza ed ha corrotto (a mio avviso) la sua integrità, rendendola in alcuni casi, di difficile interpretazione, ed escludendone dalla corretta comprensione, tutte quelle categorie di persone (gli anziani e tutte le persone con un bagaglio culturale limitato o con un livello di istruzione non proprio elevato: basti pensare a tutti coloro che vivono ai margini della società) che già non hanno dimestichezza con il corretto (che non è così facile come si crede) uso della lingua Italiana.

Certo, ad una prima e del tutto superficiale analisi, sembrerebbe che, miscelando la nostra lingua con quella inglese, il messaggio lanciato, raggiunga un’ampia e più articolata platea europea e multietnica. In realtà, si instaura una sorta di disgregazione delle tradizioni e dei valori culturali (la lingua di un popolo fa parte della sua storia e della sua cultura: non dimentichiamolo) Ecco, ad esempio, alcuni dei termini inglesi maggiormente utilizzati e come sarebbe scorrevole e lineare la loro corretta pronuncia in italiano:

 

  1. All inclusive (tutto incluso)
  2. Cake (Torta)
  3. Customer care (Assistenza al cliente)
  4. Meeting (Riunione di lavoro)
  5. Brand (Marchio)
  6. Cool (Di tendenza, togo)
  7. Backstage (Dietro le quinte)
  8. Fan (Appassionato, fedelissimo)
  9. Party (Festa)
  10. Class action (Azione legale di gruppo)
  11. Target (Bersaglio)
  12. Unlimited (Senza limiti)
  13. Today (Oggi)
  14. Everiday (Tutti i giorni)
  15. Forever (Per sempre)

Ma allora, perchè ci si ostina a non farlo?

Beh; innanzitutto perchè sembra che utilizzare i termini in inglese (intitolare un libro, un film, un’opera o un’impresa ardua e rivoluzionaria), renda il concetto o l’idea che c’è dietro, immediatamente assimilabile per il mercato Statunitense e per quello Anglosassone (ad esempio: La Silicon Valley e Londra)che, rappresentano le sedi delle maggiori Aziende internazionali) e poi, perchè sembra che nell’immaginario comune, una frase in inglese sia più di effetto e ridondante!

Non credete anche voi che così facendo, si possa danneggiare la nostra cultura e la nostra storia?