Coronavirus e riflessioni

♦ Articolo del 26 FEBBRAIO 2020 modificato il 05 APRILE 2020 ♦

Ci hanno chiesto di non fare inutili allarmismi e di non diffondere il panico ma poi, ci accorgiamo che nel gestire l’emergenza ci sono lacune e  contraddizioni.

In questo momento di grande apprensione e di grande sconvolgimento della quotidianità cagionata dal propagarsi di questa aggressiva epidemia (ora pandemia) del coronavirus, siamo costantemente scossi da questa enorme cassa di risonanza mediatica che continuamente, tutto il giorno e con ogni mezzo, ci ripete di non fare inutili allarmismi ma di usare tutta la ponderazione e la ragione possibile nell’affrontarla. Io però sono preoccupatissimo..

Perchè…

  • Ci dicono che la comune influenza è statisticamente più mortale del coronavirus ma io non ho mai visto i medici che hanno a che fare con l’influenza e che si prendono cura degli influenzati, proteggersi con tute bianche, mascherine e guanti!
  • Ci dicono che non era possibile venire dalla Cina ma poi scopriamo che alcune persone sono arrivate proprio dalla Cina con voli indiretti (per esempio facendo scalo in Germania: servizio delle iene del 25/2/2020)
  • Ci dicono di essere responsabili e lucidi ma poi scopriamo che se si chiama per chiedere di essere sottoposti al tampone (perchè magari si hanno i sintomi apparenti della malattia), ti dicono (alcuni operatori della Farnesina) di andare al pronto soccorso fuori dalla zona rossa (servizio delle iene del 25/2/2020)
  • Ci dicono che le mascherine servono solo a chi manifesta i chiari sintomi della infezione, ma poi oltre a vedere che in Cina tutti ma proprio tutti la indossano, scopriamo che in alcuni luoghi pubblici non ti fanno nemmeno entrare senza!
  • Ci dicono che il coronavirus potrebbe anche essere asintomatico (cosa del resto, anche verificata) ma poi, ci dicono di usare la mascherina solo quando siamo a contatto con persone con apparenti problemi respiratori (tosse, starnuti ed altro)
  • Ci dicono che la malattia è particolarmente contagiosa su pazienti affetti da altre patologie, anziani e con quadro clinico compromesso: ma poi veniamo messi a conoscenza dalla TV anche del contagio di bambini e della morte di persone sotto i 50 anni e con nessuna apparente patologia pre-esistente
  • Ci dicono che il contagio non si trasmette attraverso il contatto con gli oggetti e sulle superifici: ma poi, vediamo ai tg che sanificano le metropolitane, gli autobus, gli aerei e le strade!
  • Tutti noi italiani, fermi a casa ed autorizzati ad uscire solo per le emergenze e le necessità primarie: ma poi, poi leggiamo di continui sbarchi (40 dall’inizio di marzo) sulle nostre coste ma ai quali nessuno fa il tampone (dato che l’incubazione va avanti per alcune settimane) e che quindi potrebbero essere potenziali vettori!
  • <05-04-2020> Ci dicono che i nostri amici a 4 zampe non possono essere vettore di contagio: ma poi, leggiamo sul sito dell’ISS che vi sono 4 casi (e chi ci garantisce che siano davvero solo 4 dato non credo sia stato fatto il tampone a tutti i nostri cani ed i nostri gatti: anche di quelli palesemente positivi) nel mondo, di contagio di covid-19 ad animali domestici (quindi passaggio inverso: da uomo ad animale): 2 cani e 2 gatti. Come non pensare ad una possibile nuova migrazione futura da animale ad uomo? (con conseguente nuova mutazione del virus)

Ad inizio epidemia (ora pandemia) <ma quando già si conosceva la sua elevata contagiosità> ci hanno costantemente ripetuto di non fare allarmismi e di non preoccuparci esageratamente perchè si guariva anche solo con l’uso di antibiotici. Ora però evidenziano che molte persone sono state (e sono tuttora) troppo superficiali (strette di mano, assembramenti, abbracci, baci) e che ignorano le linee guida del governo, esponendo a rischio i soggetti più deboli!

A parte i soliti irrispettosi però, evidentemente, oltre ad essere stata veicolata una informazione incompleta, non completamente realistica e contraddittoria, è stato veicolato (ad inizio epidemia) una sorta di messaggio tranquillizzante e orientato così le persone a non attenzionare la cosa come si sarebbe dovuto fare sin dall’inizio!

NOTA DEL 02/04/2020: Data la superficialità di molte persone (che continuano ad ignorare regole, suggerimenti e comportamenti da mettere in atto per impedire a questo virus di continuare a cagionare sofferenza e morte) vorrei far notare a tutti che il coronavirus non fa accendere una spia luminosa in mezzo alla fronte di tutti i potenziali asintomatici che silenziosamente ed inconsapevolmente sono vettori dell’infezione ma, chiunque e dovunque (se non si rispettano le regole) potrebbe trasmettere il virus e vanificare tutti i sacrifici messi sin quì messi in atto!

In fondo a questo articolo, desidero pubblicare il lik diretto alle FAQ dell’Istituto Superiore di Sanità dove ci sono domande, risposte  ed approfondimenti sul Coronavirus